Perché nonostante il filtro antiparticolato dia problemi non possiamo toglierlo?

 

Il filtro antiparticolato da problemi all’auto e su questo siamo tutti d’accordo.

Si intasa dopo pochi chilometri riducendo notevolmente il rendimento dell’auto, inoltre rispetto ai precedenti sistemi (vedi marmitta catalitica) il filtro antiparticolato inquina molto di più.

Alcuni utenti ci scrivono chiedendoci come isolarlo oppure se sia possibile eliminarlo definitivamente. La risposta è no!

Il filtro antiparticolato è un dispositivo soggetto a omologazione quindi non può essere rimosso o isolato. L’articolo 78 del codice della strada parla chiaro, per questo tipo di violazione la sanzione va da 398 euro fino a 1596 euro. Bisogna fare molta attenzione alle informazioni che girano sul web ma soprattutto a quelle riportate sulle confezioni dei sistemi alternativi. Infatti tutti questi sistemi prodotti sono validi per i veicoli utilizzati in ambito sportivo.

Oltre a creare un danno all’ambiente, la rimozione del filtro antiparticolato compromette la garanzia della casa automobilistica.

10 Responses to Perché nonostante il filtro antiparticolato dia problemi non possiamo toglierlo?

  1. Danni all’ambiente n, perché il filtro antiparticolato produce nanoparticolato, ben più pericoloso del normale particolato.

    Aggiungo: per produrre meno particolato (anzi, quasi zero) basta migliorare i combustibili.
    Se si usa il biodiesel, non c’ò alcun bisogno dei filtri antiparticolato.

    Il concetto stesso dei FAP è incomprensibile: accumulo particolato per poi buttarlo da un’altra parte sottoforma di nano-particolato pericolosissimo.
    Senza dimenticare che con il FAP si consuma di più.

  2. Caro max, anche il biodiesel emette particolato – essa non dipende dal carburante ma dal tipo di iniezione.

    Una auto a benzina, a iniezione indiretta (la benzina è iniettata nel collettore ed evapora nell’aria) non emette particolato. Ma una auto a benzina ad iniezione diretta (la benzina è iniettata nel cilindro) emette particolato, e l’Euro6 limita il PM anche ai benzina I.D.

    Il diesel non evapora e non si miscela nell’aria, quindi la sua iniezione polverizza il gasolio nella camera di combustione (che sia indiretta o diretta) che bruciando, crea il particolato.

    Più è alta la pressione d’iniezione e più piccolo sarà il particolato.

    E questo vale anche per il biodiesel.

  3. Quello del filtro antiparticolato mi pare un sistema assurdo che impone uno stile di guida in aperto conflitto con il codice della strada.
    Io hoi una fiat 16, 1900 4×4. Periodicamente subisco problemi e relative ingenti spese a causa di questo stramaledetto filtro. Il mio meccanico mi ha consigliato, ogni 400 Km di andare a 3000 giri per dieci minuti. Se uso la terza marcia dovrei andare a 90 Km/h. Se uso la 4 a 110 Km/h. Sulla maggior parte delle strade ci sono limiti di velocità di 50 Km/h o addirittura di 30 Km/h. Ma come cavolo si deve fare? Ma chi si è inventato questo stramaledetto sistema? Possibile che chi emette queste normative non capisce che oltre a mettere in difficoltà gli automobilisti, alla fine si finisce per inquinare di più l’ambiente e consumare più carburante del necessario? E’ assurdo andare per 10 minuti in 2 o in terza per rigenerare il filtro. Mi fermo quì, ma sono veramente indignato! Non comprerò mai più una nuova auto in vita mia!

  4. sono d’accordissimo con questo ultimo commento…… e la pura verità…. chi ha inventato quel maledetto Fap non ha fatto i conti con il centro abitato….. dove si viaggia con la prima marcia e a passo d’uomo… poi quando fa il lavaggio inquina più delle altre che non ce l’hanno…… possibile che gli ing. che studiano queste cose non riescono a capire la situazione….., ho lo fanno perchè devo avere un impiego…, e se nè fregano del resto….. ho una Opel Astra 17,cdti,acquistata il 19.12.2012.. ha 15000 km, e già due volte che gli faccio il cambio dell’olio, motivo che mentre fa il lavaggio del Fap, mi entra il gasolio nella coppa dell’olio e mi porta a questa inconvenienza…, più il consumo di gasolio piu del normale….., a questo punto smettetela di fabbricare motori diesel, e fate quelli a Gpl, o metano…. fate più bella figura …. sono veramente arrabbiato.. scusatemi per lo sfogo…. distinti saluti

      • io me lo auguro che sia cosi oppure che trovino un sistema che anche ce la pulizia del filtro che non vada il gasolio nella coppa dell’olio ogni 5 o 6 mila km devo cambiare l’olio.al motore altrimenti si puo danneggiare…., ma la mia che l’ho presa a dicembre e a dicembre che vie fa un’anno come faccio si puo fare qualche modifica.. non certo la posso cambiare .. si si puo fare ma gia per la svalutazione non mi conviene .. cmq. vedremo

        • cmq vorrei sapere se la casa automobilistica opel. abbai trovato una risoluzione con il filtro particolato….. tipo di sostituire quello attuale …. aspetto una risposta…. e dirmi cosa dvevo fare per avere l’auto senza il problema di cambiare olio ogni tre mila km. motivo che il gasolio va a finire nella coppa dell’olio… ogni volta che effettua ikl lavagggio…. datemi una risposta grazieeeeeee

          • @Camillo, non credo che l’Opel abbia escogitato qualcosa per quanto riguarda il filtro antiparticolato. Leggi questo articolo dove ci sono automobilisti che come te attendono una soluzione.

  5. non so piu cosa fare, io vivo in città e la mia auto fa viaggi brevi e soste continue…. ogni 250 300 km…. mi si accende il filtro antiparticolato……., mi consuma gasolia come se guiidassi un autotreno…. poi cambiaree olio ogni 3 o 4 mila km…. a quasto punto potevo comprare una ammiraglia a benzina mi costava molto meno di un a utilitaria disel ….., e un gran schifo… poi quando fa il lavaggio inquina piu delle altree

Lascia un commento

Flotte auto aziendali

Corretta gestione della manutenzione del parco auto. Abbattiamo i costi attraverso: ricambi aftermarket, banca dati, portali web, controllo authority sugli interventi di manutenzione.

Manutenzione cambio automatico

Individuiamo lubrificanti ATF con la corretta specifica del costruttore del cambio. Usiamo additivi studiati per pulire e migliorare le performance.

Manutenzione auto di proprietà privata

Ti indicheremo un nostro meccanico affiliato da noi selezionato. Controlleremo e verificheremo la correttezza del preventivo prima che il riparatore intervenga. Risparmierai sulla manodopera e sui costi dei ricambi auto.


Articolo scritto da Giuliano Cosimetti


Inizia la sua carriera nel settore automotive come operaio presso un’autofficina meccanica di Roma. Successivamente entra a far parte della Europcar occupandosi del controllo dei preventivi di carrozzeria e meccanica diventando - dopo nemmeno un anno - coordinatore del pool ispettori. Prosegue la sua carriera presso la ServiziAutoOnline (Saol) dove sviluppa il primo portale di meccanica online e una capillare rete di assistenza per alcune aziende del noleggio a lungo termine. Oggi è amministratore della GenesiSaw Srl dove si occupa principalmente di assistenza flotte aziendali e automobilisti privati. | Facebook | Twitter | Linkedin | Google+ |

GenesiSaw S.r.l.


GenesiSaw srl


PolicyDisclaimer

Copyright © 2010 - 2014

P.IVA 03593320249

Capitale sociale € 10.000

Tutti i Diritti Riservati


Sede legale:

Inviaci una e-mail

Per favore, usa il modulo qui di seguito.